Download

Esperienze ed emozioni di volo
Approvato il Calendario degli Eventi per l'anno 2020
Nel corso dell'anno verrà arricchito di nuovi eventi che i Soci vorranno organizzare o segnalare per rendere sempre più attiva la nostra disciplina!

Racconti

Si parte dunque con due BanBi: quello dei bolzanini Edith e Pietro Stefani e il mio con a bordo come navigatore l’amico Celestino Girardi di Bolzano. Le condizioni meteo sono poco entusiasmanti ed in via di peggioramento. Siamo pertanto costretti ad una sosta a Carpi in attesa di schiarite. La rotta ci porta sull’isola d’Elba, costeggiando quindi la Corsica fino ad Olbia, dove il cielo si schiarisce e rimarrà splendido per tutta la durata del viaggio. Qui, con ottima cena a base di pesce, si conclude la prima tratta.
VDS: I piloti raccontano - 2006 Dalle Dolomiti al Sahara: Trento Tunisi ed altro di Paolo Ceccato
Viaggio di nozze: le solite Maldive? No grazie, meglio patriottico e nazionalpopolare periplo dell'Italia da Venezia a Genova, Sicilia compresa. Ingredienti; due cuori un Savannah TCP con RotaxS0 cavalli; un trolley ed un beauty in comune, tre cambi estivi a testa costumi da bagno: quattro funi , moschettoni per ancorare e tacchi per le ruote tundra, olio motore e qualche ricambio. Foto-racconto del viaggio di nozze di Antonio e Sandra pubblicata si Aviazione Sportiva nel luglio 2009
VDS: I piloti raccontano - 2008 Due cuori e un Savannah di Antonio Coradello
Mi chiamo Michelle, sono socia AIPM e vorrei condividere con voi un esperienza indimenticabile! Ad Aprile ho partecipato ad una gara rally in Nuova Zelanda " Round New Zealand AirRace 044Fun " Allora, eccomi, attraverso il globo per andare in un paese che non conoscevo, per volare con un gentleman ed il suo aereo che non conoscevo, in una gara come non avevo mai partecipato. Articolo apparso sul Notiziario AIPM n. 47 - Novembre 2005.
Volo: che passione! 2004 Nuova Zelanda di Michelle Bassanesi
C’era una volta un aeroporto…. Quaranta minuti per andare da Cortina a Venezia e poco più di un’ora per coprire la distanza Cortina-Milano. Oggi sembra fantascienza e invece, paradossalmente, negli Anni Sessanta era una realtà. .. I piloti di volo in montagna in più occasioni hanno cercato di riottenere l’agibilità della pista. Ma questo è successo soltanto pochissime volte (sufficienti, peraltro, a dimostrare la non pericolosità della pista ... La prima avvenne nel 1991 quando i nostri soci cortinesi, di nascita od adozione ... La seconda volta riesce nel 2000...
Ricordi di Volo in Montagna - 1991 Cortina: un amore infinito
Per noi piloti di montagna sorvolare il Gruppo del Brenta e non dare un’occhiata al Campanile Basso, al Canalone Neri, al Crozon ed alla Cima Tosa è come andare al Louvre e non guardare la Gioconda, tanto è irresistibile la bellezza di questo scenario naturale fatto di guglie, pareti, nevai, luci ed ombre, cime ardite e sublimi. La cima Tosa, poi, con la sua piramide di neve sempre maestosa ed affascinante, ricorda una gran dama, una “regina” con la sua bianca stola sulle spalle! Mentre le nostre qualità di piloti miglioravano, guardavamo la Tosa con tutt’altro interesse e cominciavamo nei primi voli in montagna ad intravedere una certa possibilità di… non ci si fidava a dire atterrare… ma una sensazione, un certo “prurito”, che voleva dire che si poteva anche fare; frase questa che ci dava l’idea che in quel posto, presto o tardi, si sarebbe atterrati. Il racconto è tratto dal libro "Liberi di Volare" di Enzo Marchesi.
Ricordi di Volo in Montagna: 1979 - La Cima Tosa di Umberto Venturini
Graditissimo ma, soprattutto, illuminante fu il regalo che mi fece l'amico Gino Piccoli, grande appassionato di cose aeronautiche, portandomi le belle riviste tedesche Der Adler e Signal nelle quali c'era tutta la documentazione del famoso e storico colpo di mano fatto dai tedeschi per liberare Mussolini prigioniero sul Gran Sasso. Verosimilmente l’evento era stato enfatizzato ad arte per esaltare a scopo propagandistico la pericolosità dell’azione e stupire il lettore dell’epoca accentuando l’audacia del gesto... … per capirlo sarebbe occorsa una verifica! Siamo vicini al ferragosto 1976, Ö l’unico periodo dell'anno in cui si possa fare una vacanza di una settimana così pensai che rappresentava la migliore occasione per rendersene conto di persona... Pubblicato sul Notiziario AIPM n. 52 del Novembre 2008
Ricordi di Volo in Montagna: 1977 Gran Sasso di Umberto Venturini
Non ricordo bene il come né il perché ci siamo trovati a sorvolare la magnifica Conca di Celado, nel Tesino, ma come d’incanto abbiamo compreso che vi si potesse atterrare. La giornata particolarmente bella, i prati ben rasati, la calma di vento, il calore delle prime tonalità autunnali, ci trasmettevano tranquillità e sicurezza. Una ricognizione attenta ed un paio di atterraggi per capire ed apprezzare gli effetti della quota, non alta ma sempre sopra i 1200 metri, e prendere confidenza con le caratteristiche della pista prescelta e finalmente ci fermiamo.
Ricordi di Volo in Montagna: Le ragazze di Celado di Umberto Venturini
2005 RADUNO E.M.P. – LA CERDANYA (E) CORDADA INTERNACIONAL DE PISTAS RUSTICAS in Spagna, Prepirineo de Aragòn y Catalunya. ... La rotta prevede di atterrare ad Albenga per fare rifornimento ed il piano di volo che i francesi (dopo gli attentati terroristici) pretendono nuovamente. Uno dietro l’altro attraversiamo la pianura diretti ad Albenga ed in prossimità dei Giovi troviamo ad accoglierci un bel “pacco” di nuvole basse che inglobano i passi che danno accesso alla costa Ligure. Grazie alle caratteristiche del Piper PA 18 ci permettiamo di entrare … piano, piano nei fumi ovattati che da bianchi diventano grigi e poi sempre più scuri. Troviamo qualche squarcio e così non potendo passare dai Giovi e neanche dal Turchino, troviamo una tortuosa valletta che ci porta verso Savona; in vista del mare tutto è più chiaro e rassicurante.
Racconti di Viaggio: 2005 - La Cerdanya di Renato Fornaciari
Ancora una bella impresa con un volo che inizia a Trento, raggiunge la fonte del Danubio a Donaueshingen nel cuore della Foresta Nera e poi, come a scorrere con lo stesso fiume, raggiunge il delta sulla sponda ovest del Mar Nero per proseguire ancora a nord fino a Odessa in Ucraina. Nove le nazioni sorvolate: Italia, Germania, Austria, Ungheria, Jugoslavia, Romania, Ucraina, Croazia e Slovenia con sorvolo dei confini di Moldova e Bosnia Erzegovina; quattro le capitali toccate: Vienna, Belgrado, Bucarest e Zagabria. Il racconto del lungo viaggio lungo il corso del Danubio e poi… sulla scalinata di Odessa tratto dal libro "Diario di Bordo" di Enzo Marchesi.
Racconti di Viaggio: 2003 - Dalla fonte al delta del Danubio e poi… fino ad Odessa
Il poco tempo e un po' di voglia di mare ci hanno fatto scegliere un percorso, rilassante e vacanziero, che ci portasse ...........verso la dolce Dalmazia. Questa Regione, già antica Provincia Romana, oggi fa parte della Croazia. Si estende da nord a sud tra le città di Zadar (Zara) e Dubronvik ( Ragusa). Affacciata sul mare Adriatico e protetta dalle Alpi Dinariche, tormentata da tante guerre l'ultima delle quali, per la zona che ci interessa, terminata appena tre anni fa. Foto di Umberto Venturini.
Racconti di Viaggio: 1996 - La Dalmazia di Renato Fornaciari
... Cominciamo l'attraversamento delle prime isole danesi con un po' di vento contrario; superiamo Fehmarn, Falster, fino a portarci sul punto Stevns, dove inizia il tratto di mare che ci separa da Malmö. Facciamo correttamente la nostra procedura di avvicinamento mantenendo una quota massima di 2.000 piedi (609 metri) e dopo aver ricevuto l'autorizzazione atterriamo uno alla volta. Il vento ha rinforzato e lo troviamo al traverso. Quindi atterraggio "lavorato" e subito al rifornimento. Per sveltire queste procedure, ci siamo divisi i compiti: qualcuno è addetto al rifornimento, altri al pagamento di tasse e carburante, altri ancora alla "timbratura" dei libretti di volo od alla pianificazione... Tratto dal libro "Diario di Bordo" di Enzo Marchesi.
Racconti di Viaggio: 1995 - Fresco '95 Il Grande Nord
Normandia : 1944-1994 50° anniversario dello "SBARCO"… un appuntamento al quale non potevamo mancare. Vicino a Caen c'è La Falaise; uno storico campo di volo in erba, un club molto attivo con un programma che fissava, per i giorni 10 e 11 Giugno, una grande manifestazione aerea alla quale partecipavano tutti i tipi di aerei storici della seconda guerra mondiale.
Racconti di Viaggio: 1994 La Normandia - di Renato Fornaciari
Da qualche anno riceviamo l’invito a prendere parte al Rally Internazionale di Kilkenny. Raggiungere l’Irlanda è impresa impegnativa, prenderla in considerazione vuol dire cimentarsi in un lungo volo, lungo sì ma nel momento che lo vuoi affrontare perché limitarsi alla sola Irlanda del Sud. Nel dibattito che precede ogni programmazione dei lunghi raid ognuno dei presenti propone percorsi e traguardi a volte improbabili a volte spettacolari. Ne nasce così un progetto articolato, con mete ambiziose. Una volta raggiunta la destinazione in Irlanda dovremo affrontare anche una gara di regolarità ma a noi interessa l’aspetto prettamente turistico alla scoperta di luoghi e abitudini a noi ancora estranei. Il grande Raid sulle Isole Britanniche tratto dal libro "Diario di Bordo" di Enzo Marchesi.
Racconti di viaggio - 1991 - Raid di Irlanda, Scozia ed Inghilterra

TESSERAMENTO

Occorre che il numero degli aderenti alla nostra Associazione cresca per conferirle sempre maggiore notorietà e rappresentatività nazionale ed internazionale necessarie a difendere e promuovere la nostra meravigliosa disciplina.

Per ogni necessità queste sono le nostre coordinate IBAN IT40 Y076 0101 8000 0001 3222 385 - BIC BPPIIRRXXX


IL 29 FEBBRAIO SCORSO SONO SCADUTI I TERMINI PER IL TESSERAMENTO 2020.
Ringraziamo tutti i Soci che hanno per la prima volta o rinnovato il loro impegno nel sostegno delle attività della nostra Associazione.
Queste saranno sempre più attente e puntuali coinvolgendo sempre più numerosi praticanti e simpatizzanti.

Quote associative 2020 Domanda di ammissione